Show degli azzurri: Lavagnese sconfitta 6-1

Show degli azzurri: Lavagnese sconfitta 6-1

Con una prestazione di alto livello in tutti i suoi interpreti, il Chieri travolge la Lavagnese e conquista la prima vittoria casalinga di questa stagione. Un successo rotondo a dispetto di una vigilia che, per le assenze di Ravasi, Abelli, Benassi e De Riggi, lasciava presagire una sfida complicata. E l’avvio sembrava andare in quella direzione, con la punizione di D’Orsi che non lasciava scampo a Bonofiglio. In quel momento però si è visto il Chieri di Marco Didu. Con una reazione immediata e feroce, gli azzurri hanno pareggiato e messo la freccia, ponendo le basi per una vittoria molto importante. Il tutto con il solito, grande, contributo dei giovani, che il tecnico ex Borgosesia sta valorizzando come da input della società.
Al via Didu opta per Ozara sull’out di destra, Gerbino in cabina di regia, Ferrandino tra le linee, e la coppia d’attacco Pedrabissi-Bianco, insieme per la prima volta. La Lavagnese vuole colpire soprattutto con il tridente composto da Tripoli, D’Orsi e Bei.
Dopo la rete del vantaggio dei bianconeri, il Chieri risponde come uno di quei pugili di razza che non accetta di essere stato colpito. Al 13′ Bianco, da vero rapinatore d’area, non si lascia scappare l’appuntamento con il gol, insaccando da pochi passi un pallone proveniente dalla corsia di sinistra. E due minuti dopo, grazie a uno scambio con Ferrandino, Pautassi entra in area e viene steso platealmente sotto gli occhi di Pezzopane. Rigore limpido, trasformato con freddezza chirurgica da Pedrabissi.
Ribaltata la gara, c’è solo più una squadra in campo. Gli ospiti si fanno vedere con una conclusione centrale ancora di D’Orsi, ma è il Chieri a fare la partita. Dopo una traversa di Ferrandino (girata di destro dal limite dell’area), gli azzurri allungano nel finale del primo tempo. Al 45′ Bianco ribatte in rete una respinta di Boschini su un’incornata di Conrotto. Sessanta secondi dopo è ancora Bianco a decidere, quando in fuga palla al piede costringe Avellino (poi espulso) al fallo da ultimo uomo. Dal limite va Pedrabissi, che sorprende tutti mirando al palo del portiere e realizzando la rete del 4-1.
Nella ripresa il Chieri è l’assoluto padrone del campo. Dopo 4′ Gerbino segna dalla distanza il gol del 5-1, a coronamento di una prestazione da vero playmaker. Al 36′ arriva poi la giocata perfetta per sigillare una gara sontuosa. Apertura di 40 metri di Benedetto, Ferrandino si libera del suo marcatore con un colpo di tacco a seguire e, una volta entrato in area, pennella nel sette con il suo sinistro laddove Boschini non può proprio arrivare.

CHIERI-LAVAGNESE 6-1
ARBITRO: Pezzopane di L’Aquila (Concari e Ingenito).
RETI: 12′ D’Orsi (L), 13′ e 45′ Bianco (C), 15′ su rig. e 47′ Pedrabissi (C), st 4′ Gerbino (C), 36′ Ferrandino (C).
CHIERI: Bonofiglio; Conrotto (33′ st Bellocchio), Benedetto, De Letteriis; Ozara (26′ st Sessa), Ferrandino, Gerbino, Castelletto (14′ st Della Valle), Pautassi (14′ st Spera); Pedrabissi (26′ st Rossi), Bianco.
A disp. Finamore, Mosagna, Cavarero, Barcellona.
All. Marco Didu.
LAVAGNESE: Boschini, Oneto, Di Vittorio, Avellino, Basso, Queriolo, Cantatore (9′ st Rovido), Alluci (27′ st Bagnato), Tripoli (29′ st Perasso), D’Orsi (1′ st Bacigalupo), Bei (16′ st Orlando).
A disp. Bova, Profumo, Di Lisi, Ozuna Mejia.
All. Nucera.
NOTE: ammonito Basso. Espulso per fallo da ultimo uomo al 46′ pt Avellino. Angoli 5-0.

Non basta un grande forcing finale: contro il Legnano finisce 0-0

Non basta un grande forcing finale: contro il Legnano finisce 0-0

Contro una delle formazioni pretendenti per la vittoria del girone, il Chieri di Marco Didu offre una prestazione di sostanza e chiude in avanti all’arrembaggio in cerca del gol vittoria che purtroppo non arriva. Nota dolente del pomeriggio, l’infortunio occorso al numero dieci azzurro Riccardo Ravasi, costretto a uscire in barella dopo dieci minuti della ripresa per un problema al gomito.
Al via Didu conferma lo stesso undici capace di espugnare il campo della Caronnese domenica scorsa. Il Legnano, vestito di tutto punto con il 4-3-3, si presenta al De Paoli (finalmente con un po’ di spettatori) con l’artiglieria pesante. A cominciare dagli ex Di Lernia e Gasparri, con quest’ultimo schierato nel tridente offensivo composto anche da Grandi e Cocuzza.
Nel primo parziale gli azzurri si fanno vedere inizialmente da calcio piazzato: due volte Abelli, dalla bandierina, trova l’incornata di Ravasi, ma l’attaccante di casa non riesce a inquadrare lo specchio della porta. Gli ospiti si fanno vedere con Cocuzza, ma il suo diagonale al 22′ è bloccato in due tempi da Bonofiglio.
L’occasione più ghiotta nei primi 45′ arriva sui piedi di Eros Castelletto, che in area, di sinistro, prova a sorprendere Colnaghi con una conclusione potente, ma l’estremo ospite compie un mezzo miracolo e salva i suoi.
Nella ripresa parte meglio il Legnano, ma di situazioni pericolose nemmeno l’ombra. Il terzetto difensivo azzurro (Conrotto-Benedetto-De Letteriis) offre infatti un’altra prestazione praticamente perfetta, con Pautassi costante spina nel fianco per il giovane Barbui e la regia di Abelli che cresce alla distanza. Dopo il ko di Ravasi, Didu punta su Pedrabissi e nel corso della sfida manda in campo la qualità di Ferrandino, Gerbino e Della Valle con l’obiettivo di portare a casa i tre punti. Gli ultimi 20′ infatti si gioca solo in una metà campo, nonostante una punizione a giro di Cocuzza ben disinnescata da Bonofiglio.
Il pallone da man of the match capita prima sui piedi di Ferrandino (che rientra sul sinistro e poi è fermato) e negli ultimi istanti su quelli di Pedrabissi (su assist di Gerbino), ma la sfera non entra. Resta comunque una prestazione positiva quella di Conrotto & C., che dà seguito alla trasferta di Caronno e conferma di aver trovato un’indispensabile solidità per competere in un campionato selettivo come questo girone A.
Domenica 25 si torna al De Paoli: arriva la Lavagnese.

CHIERI-LEGNANO 0-0
ARBITRO: Tartarone di Frosinone (Spataro e Denisov).
CHIERI: Bonofiglio, Benedetto, Pautassi, Abelli, Conrotto, De Letteriis, Spera (23′ st Ferrandino), Castelletto (32′ st Della Valle), Barcellona (23′ st Gerbino), Ravasi (10′ st Pedrabissi), Ozara (37′ st Bianco).
A disp. Finamore, Mosagna, Sessa, Rossi.
All. Marco Didu.
LEGNANO: Colnaghi, Barbui, Di Stefano, Di Lernia (44′ st Damo), Ambrosini, Brusa, Luoni, Gasparri, Tunesi (31′ st Radaelli), Grandi (16′ st Ortolani), Ronzoni (31′ st Pellini), Cocuzza.
A disp. Piccirillo, Brusa, Di Stefano, Todaj, Febbrasio.
All. Brando.
NOTE: ammoniti Benedetto, Conrotto, Spera, Pedrabissi (C), Barbui, Ambrosini, Tunesi (L). Calci d’angolo: 10-2.

Cantera azzurra: un altro week end da applausi

Cantera azzurra: un altro week end da applausi

Le formazioni del nostro settore giovanile sono davvero partite con il piede sull’acceleratore in questo inizio di stagione. Per la seconda giornata consecutiva, le squadre del nostro vivaio hanno fatto bottino pieno.
Gli Under 14 di Giuseppe Zucco hanno superato brillantemente l’ostacolo Novese grazie al poker firmato da Galvagno e alla rete di Matta, tenendo così il passo di Mirafiori, con cui gli azzurri condividono il primato nel girone E di categoria.
Manita esterna anche per il Chieri Under 15. Nel derby contro il San Giacomo Chieri la squadra di Edoardo Zaccarelli si impone 5-0 trascinata dalla doppietta di Guida e dalle realizzazioni di Di Filippo, Macrì e Viale.
Sfida in collina per i nostri Under 16 sul campo del PSG. Apre le danze Dumani nel primo tempo, poi a inizio ripresa i padroni di casa trovano la rete del momentaneo pareggio. Tra il 17′ e 25′ sale però in cattedra Sussetto, che con una splendida doppietta regala i tre punti alla formazione di Andrea Mercuri.
Prestazione importante per gli Under 17, opposti anche loro ai cugini del San Giacomo Chieri. Gli azzurri di Maurizio Cocino hanno voglia di giocare e attaccare, e così la sfida termina con un roboante 7-2 firmato dalla tripletta di Binello e della marcature di Marras, Peretto, Ciampolillo e Giordanino.
E’ stata invece rinviata al 28 ottobre (ore 14:30) la gara della Juniores nazionale di Cristian Viola contro il Fossano.
Avanti così azzurri: continuate a divertirvi e a farci divertire!

 

La prima vittoria porta la firma di Conrotto: Caronnese ko

La prima vittoria porta la firma di Conrotto: Caronnese ko

La prima vittoria degli azzurri in questa Serie D arriva nella gara più insidiosa di questo avvio. In casa della Caronnese i ragazzi di Marco Didu giocano un primo tempo gagliardo, chiuso meritatamente in vantaggio grazie ad un guizzo di capitan Giorgio Conrotto (poco dopo l’errore dal dischetto di Riccardo Ravasi) e sono poi capaci di sigillare il risultato anche nella ripresa.
Pronti via e Didu dà fiducia dall’inizio a Bonofiglio e Ozara, che trovano per la prima volta in stagione una maglia da titolare. Rientra dal 1′ anche Matteo Pautassi, mentre in panchina si rivede anche Gerbino.
Dopo i ko esterni in casa del Pontdonnaz e del Sestri Levante, e il pari casalingo con l’Arconatese, il Chieri strappa così il primo successo: “Sono contento per i ragazzi, hanno messo in campo lo spirito giusto – analizza a fine match Marco Didu – La partita era molto difficile, ma abbiamo fatto un ottimo primo tempo e abbiamo meritato di chiuderlo un vantaggio. Sempre attenti, cattivi e quando conquistavamo palla ripartivamo subito con le nostre idee di gioco. Nella ripresa abbiamo sofferto di più, ma per vincere a Caronno bisogna soffrire. Per la squadra che siamo e che vogliamo diventare, questo successo può essere un primo tassello per un percorso che sarà lungo. Queste partite ti devono dare la consapevolezza di ciò che serve in questo campionato. Deve essere un punto di partenza”.
Didu si sofferma poi sulle scelte iniziali: “Per la tipologia di gara, ho pensato di mettere Pautassi dall’inizio anche se rientrava da uno stop, e ha fatto dei buoni sessanta minuti. Bene anche Ozara, che ha fatto prima la mezzala e poi l’esterno. Ha fisico e gamba, e può crescere ancora. Senza Benassi devo fare scelte diverse, ma anche Della Valle in quel ruolo sta facendo molto bene. Bonofiglio? Luca è un portiere di grande garanzia, ha oltre 100 presenze in questa categoria. L’ho detto dall’inizio: voglio avere la possibilità di giocare con il portiere del ’99 o del 2001. Tre partite a settimana? Recuperiamo in fretta perché già da mercoledì dobbiamo farci trovare pronti”.

CARONNESE-CHIERI 0-1
Arbitro:Gangi di Enna.
RETE: 45′ pt Conrotto (C).
CARONNESE: Angelina, Costa (1′ st Gualtieri), M Zoughi, Galletti, Cosentino, Gargiulo (20′ st Banfi), Putzolu, Vernocchi (1′ st Calì), Scaringella, Corno, Santonocito (1′ st Rocco).
A disp. Marietta, Arcidiacono, Musico, Torin, Travaglini.
All. Gatti.
CHIERI: Bonofiglio, Benedetto, Pautassi (13′ st Ferrandino), Abelli (35′ st Pedrabissi), Conrotto, De Letteriis, Spera (27′ st Della Valle), Castelletto, Barcellona (13′ st Gerbino), Ravasi, Ozara.
A disp. Finamore, Mosagna, Sessa, Rossi, Bianco.
All. Didu.
NOTE: ammoniti Benedetto, Pautassi, Conrotto, Spera, Ozara (C), Vernocchi, Scaringella (Ca). Angoli 1-7.

1 2 3 4 5 113