Siete pronti a ruggire?

Siete pronti a ruggire?

Prende il via la campagna abbonamenti per la stagione 2019/2020 della Prima Squadra, impegnata per l’undicesima stagione consecutiva in Serie D,
Un allenatore che vuole incidere con le sue idee, con la sua determinazione e il suo entusiasmo, Una squadra costruita per seguire il suo allenatore, che ha voglia di divertire e divertirsi. Una società che ha messo a disposizione di questa squadra tutto il meglio: centro sportivo, staff tecnico e dirigenziale, organizzazione.
Ora resta l’ultimo tassello, probabilmente il più importante perché può dare un senso e un peso specifico a tutto il resto: i tifosi.
Vi vogliamo al De Paoli: siete pronti a ruggire?

 

INFO,  MODALITÀ E PREZZI
Prenotazioni (dal 19/8) e vendita (dal 25/8) presso:

#CASACHIERI
(Centro sportivo Rosato)

SEDE DEL CLUB (Via Padana Inferiore 44)

BIGLIETTERIA Stadio De Paoli

BAR CENTRO SPORTIVO San Silvestro

INTRALOT Piazza Dante. Chieri

PREZZI
INDIVIDUALE
Intero € 100
Over 65 € 60
Woman € 60
Under 18 € 50
CHIERI FAMILY
(2 adulti + 2 U18) € 230

Il Chieri ha il suo club manager: è Roberto Luison

Il Chieri ha il suo club manager: è Roberto Luison

Prosegue, tassello dopo tassello, l’attività di organizzazione della società Calcio Chieri da parte del presidente Luca Gandini. La vision che anima la proprietà è sempre la stessa fin dal 2013: strutturare il club come un’azienda, ricercando quindi il miglioramento continuo al fine di garantire a tutti i tesserati non solo tecnici preparati ma anche strutture e servizi di qualità. Ed è con questo presupposto che la società azzurra ha affidato a Roberto Luison l’incarico di Club Manager. Luison sarà la persona di raccordo tra la parte campo e la componente societaria, con un’attenzione particolare al Settore giovanile, con l’obiettivo di supportare il giovane calciatore e la sua famiglia qualora se ne ravvisasse la necessità.
L’organizzazione di questa attività resta in carico a Riccardo Tinozzi, vicepresidente del Calcio Chieri con deleghe specifiche su Scuola Calcio e proprio sul coordinamento dei rapporti con dirigenti e genitori, vista anche la sua attività professionale di Pisicologo dello Sport e della Salute.

Federico Varano è un giocatore del Chieri

Federico Varano è un giocatore del Chieri

71 presenze in Serie C, il Settore giovanile nell’Atalanta e l’ultima stagione trascorsa alla corte di Morgia a Mantova. Si presenta con questo curriculum Federico Varano, ultimo acquisto del Calcio Chieri. Mezzala classe ’95, Federico è già sceso in campo nelle prime due amichevoli affrontate dagli azzurri. Centrocampista con conoscenze tattiche e tecniche importanti, Varano tra le sue qualità ha anche la capacità di inserirsi in area. Proprio come ha fatto vedere contro l’Alessandria lo scorso mercoledì, quando si è fatto trovare in ottima posizione e ha calciato a botta sicura trovando però sulla sua strada il volto di un difensore ad impedirgli la rete del vantaggio.
Dopo aver frequentato una sorta di vera università del calcio a Bergamo, Federico esordisce tra i professionisti con la maglia del Venezia, collezionando in Serie C 28 presenze e una rete. L’ottima stagione disputata gli vale la chiamata del Cesena in Serie B nell’anno successivo, ma non trova spazio. A gennaio 2016 va ad Arezzo (7 gettoni). Poi Pistoiese (16 presenze e 2 gol) e Alma Juventus, dove scende in campo in 20 occasioni. A dicembre 2018 la chiamata di Massimo Morgia al Mantova in Serie D.
24 anni compiuti lo scorso gennaio, Varano completa così un reparto di qualità ritrovando, oltre al tecnico, anche gli ex compagni Cecchi, Giacinti, Yeboah e Sbordone.

Marco Pecorari: “Lavorare con Morgia è una grande occasione di crescita”

Marco Pecorari: “Lavorare con Morgia è una grande occasione di crescita”

Sempre in crescita. Dovendo scegliere, è probabilmente questo il leitmotiv della carriera nel calcio di Marco Pecorari. Dopo aver sfiorato il tricolore nell’ultima stagione alla guida della Juniores nazionale (ma resta pur sempre un vice Campione d’Italia), Pecorari si è guadagnato sul campo un upgrade. A conferma della fiducia che la società ripone nelle sue capacità, l’ex giocatore – tra le altre – di Crotone, Triestina, Genoa, Ascoli e Lecce, quest’anno raddoppia: guiderà (confermatissimo) la Juniores ed è già operativo all’interno dello staff di Massimo Morgia con la Prima squadra come collaboratore tecnico.
Impossibile però non partire da un’analisi sulla stagione passata: “È stata un’annata ricca di soddisfazioni sia sul piano sportivo che sul piano della crescita dei ragazzi. Vedere oggi tre ragazzi della Juniores nella rosa della nostra Serie D è un risultato straordinario. Certo, è mancata la classica ciliegina sulla torta. Abbiamo perso contro una squadra esperta e smaliziata, ma anche in finale abbiamo portato avanti i nostri principi di gioco, senza snaturarci”.
Questa sarà la quarta stagione in panchina nel Calcio Chieri. A qualcuno dei grandi allenatori che ha avuto in carriera Pecorari dovrà pure ispirarsi: “Già quando ero calciatore non mi limitavo ad eseguire esercizi o movimenti ma ero molto curioso e volevo sapere il perché di determinate richieste del mister. Chi mi ha influenzato di più? Un po’ tutti ma forse Auteri a Crotone è quello che mi ha fatto scoprire più cose. Il lavoro che faceva con noi difensori era incredibile. Riuscivamo quasi a far muovere gli attaccanti come volevamo noi. Un atteggiamento propositivo a partire dai difensori. Un po’ come vuole mister Morgia”.
Qui il collegamento con il suo nuovo ruolo al fianco di Massimo Morgia diventa un assist perfetto: “Per il nostro nuovo tecnico della Prima squadra tutti i giocatori devono essere costruttori di gioco. Ho scoperto un allenatore pieno di energia e con idee innovative, tutte basate sulla volontà di proporre gioco e avere una squadra che attacca, che cerca il gol. Sono molto felice di collaborare con lui perché ritengo mi sia stata data una grandissima occasione di crescita”.
E lo stesso contributo di Pecorari, che il calcio vero lo ha giocato sul serio mettendo insieme oltre 300 presenze tra Serie A, B e C, può risultare importante in una stagione dove gli obiettivi sono diversi e tutti ambiziosi, proprio a cominciare dal gioco: “Cerco sempre di mettere a disposizione dei ragazzi la mia esperienza da calciatore. Quest’anno abbiamo tutti questa meravigliosa opportunità di provare a fare qualcosa di diverso in campo. Gli obiettivi si possono raggiungere in più modi. Noi vogliamo farlo proponendo un gioco offensivo. Questa idea di calcio ci può portare lontano perché stiamo vedendo come sia i “vecchi” che i più giovani siano tutti entusiasti. Sono realmente interessati a quello che il mister propone. I giocatori ti seguono quando capiscono che hanno davanti una persona preparata”.
Staff tecnico (con Morgia, oltre a Pecorari, ci sono Bellotto, Rosso e Vignati), giocatori e ambiente: gli ingredienti sembrano esserci tutti. “Da giocatore poche volte ho trovato centri sportivi come il nostro. Qui c’è tutto quello che serve e i calciatori possono pensare esclusivamente a giocare a calcio”.
Se poi quel “calcio” è qualcosa che entusiasma

Chieri gagliardo anche contro i Grigi, a segno Bragadin

Chieri gagliardo anche contro i Grigi, a segno Bragadin

Finisce 4-1 per l’Alessandria la seconda amichevole di questa stagione del Calcio Chieri. Nel primo tempo, dopo 15′ sontuosi degli azzurri, i grigi colpiscono prima su punizione, poi sugli sviluppi di un corner e infine altre due volte su altrettante ripartenze. In precedenza, sullo 0-0, il Chieri aveva sfiorato due volte il vantaggio. Prima con una conclusione a botta sicura di Varano respinta con la faccia da un difensore e poi con un bel diagonale di Melandri di sinistro fuori di poco. Insomma, prima e dopo il poker dell’undici di Scazzola c’è stato davvero molto Chieri anche e soprattutto nella ripresa. Nel finale arriva inoltre la meritatissima rete realizzata da Andrea Bragadin con una bellissima girata di sinistro su assist al bacio di Gianluca Sbordone. Nel complesso la squadra di Morgia ha tirato di più in porta (12-8) e ha avuto nel complesso il comando del gioco per più tempo. Nonostante i carichi di lavoro e una squadra che inevitabilmente deve ancora assimilare le linee guida del calcio di Morgia, anche in questo secondo test il Chieri ha destato ottime impressioni, soprattutto in virtù della forza specifica di un avversario che milita in Serie C.

ALESSANDRIA-CHIERI 4-1
RETI: Suljic, Sciacca, Akammadu, Sartore (A), Bragadin (C).
ALESSANDRIA: Valentini, Gjura, Prestia, Fissore, Sciacca, Suljic, Gazzi, Panizzi, Chiarello, Sartore, Akammadu.
All. Scazzola.
CALCIO CHIERI: Gennaro; Bruni, Conrotto, Benedetto, Casanova; Giacinti, Cecchi, Varano; Ferrandino, Yeboah, Melandri. A disp.Luppi, Nouri, Bellocchio, Mosagna, Pautassi, Ozara, Campagna, Carrese, Di Lorenzo, Bragadin, De Riggi, Sbordone, Della Valle, Di Sparti, D’Agostino.
All. Morgia.

1 2 3 4 5 9