VONO-BALAN-MOREO: TRIS DA RISCOSSA

Modo migliore per chiudere prima della sosta non poteva esserci. Soprattutto per il contesto non facile in cui il Chieri si trovava prima dello scontro diretto con il Borgosesia. Il rischio era quello di scoraggiarsi dopo l’ingiusta sconfitta in terra valdostana, per poi sentire troppo la pressione per una vittoria che mancava dall’1 Novembre (1-0 a Lavagna) e che contro i granata era obiettivo imprescindibile. Il tecnico Nisticò ed il gruppo azzurro sono stati invece bravissimi a mantenere la calma e la lucidità necessarie per non fallire l’appuntamento e per conquistare tre punti esiziali per la classifica.

LA PARTITA

L’ultima gara pre sosta si apre con una novità in casa azzurra, o meglio dire un ritorno: in porta infatti viene schierato Ramon Virano, estremo difensore classe 2004 che il Chieri ha riaccolto dopo i primi mesi di stagione passati in forza all’Alessandria in Serie C. Dovendo sopperire all’assenza dello squalificato Noia Nisticò opta per un 4-3-1-2 con il rientro di Balan mezzala e con Zenuni piazzato trequartista dietro alla coppia di attaccanti formata da Moreo e Vono. Quest’ultimo, come spesso accade, si dimostra sin da subito faro della manovra offensiva chierese, ed è soprattutto da sottolineare la sua volontà di entrare nel gioco sin da inizio azione e di mettersi totalmente al servizio della squadra.

Dopo una prima fase di studio il fantasista classe 2000 comincia a scaldare il piedino dialogando bene sull’out di destra combinando e con gli inserimenti di Balan e con le sovrapposizioni di Capra. Tutto propedeutico allo squillo decisivo che stappa il match a pochi minuti dalla mezz’ora. Angolo battuto proprio da Vono, scambio rapido con Moreo che gli restituisce palla, destro a giro alla Del Piero, sfera che sbatte sotto l’incrocio dei pali e si insacca in rete. È il terzo gol in campionato per Vono, tutti siglati nelle ultime otto partite, a dimostrazione dell’ottimo momento di forma che sta attraversando. Passano cinque minuti in cui ad ergersi a protagonisti sono i due giovani portieri classe 2004. Prima Virano è bravo a mandare in angolo una chiusura in extremis di Capra che si stava trasformando in autogol, poi Uva è sensazionale nel negare un gol a Zenuni che avrebbe chiuso un’azione magistrale che aveva coinvolto Vono e Moreo.

L’appuntamento con il raddoppio per i padroni di casa però è solamente rimandato. Al 33’ il direttore d’orchestra è sempre Vono: palla giocata larga su Marianeschi, che con un cross telecomandato pesca la testa di Balan, il quale sigla il 2-0 trovando il suo primo gol in questa stagione.

Una vera e propria boccata di puro ossigeno che permette ai collinari di chiudere il primo tempo in vantaggio di due gol.
Ossigeno che si rivela quanto mai prezioso nella ripresa, dal momento che, come prevedibile, i ragazzi di Moretti rientrano dagli spogliatoi con la bava alla bocca e decisi a tentare il tutto per tutto per centrare una clamorosa rimonta. Il tecnico granata prova subito a mescolare le carte in tavola con l’ingresso di Del Barba al posto di Tobia, ma la solfa non cambia. Basta infatti un quarto d’ora scarso al Chieri per siglare la rete che chiude virtualmente la contesa. Marianeschi recupera palla e mette in movimento Zenuni che, dopo una dirompente progressione in avanti illumina il proscenio con un filtrante al bacio per Moreo, abile a tagliare alle spalle della difesa ospite ed a trafiggere Uva con un velenoso destro rasoterra.

Terzo gol in campionato anche per Moreo, che non segnava dal 24 Settembre nell’1-0 contro l’Asti. Moretti prova la mossa della disperazione con Soldi e Colombo al posto di Monteleone e Duse ma ormai è troppo tardi. Gli azzurri si chiudono dietro in maniera compatta, entra anche Simic per Moreo per blindare il fortino con il passaggio al 3-5-2 maggio con Balan braccetto di destra della difesa a tre. Il gol della bandiera granata di Henin a recupero iniziato serve solo per le statistiche, ma ovviamente non va ad intaccare la riconquista dei tre punti per il Chieri, che potrà vivere la sosta con rinnovata fiducia in vista della ripresa del 7 Gennaio, giorno in cui gli azzurri verranno messi di fronte ad un altro scontro diretto con il Pinerolo.

IL TABELLINO

CHIERI-BORGOSESIA 3-1
RETI (3-0; 3-1): 26’ Vono (C), 33’ Balan (C), 14’ st Moreo (C), 46’ st Henin (B).

CHIERI (4-3-1-2): Virano; Capra, Moretti, Da Silva, Gasparoni (45’ st Ciociola); Balan, Mammarella (42’ st Sussetto), Marianeschi; Zenuni (42’ st Jaures); Vono, Moreo (29’ st Simic).
A disp.: Faccioli, Massaro, Palmiere, Croce, Maniscalco.
All. Nisticò.

BORGOSESIA (3-5-2): Uva; Iannacone, Derbali, Rekkab; Monteleone (20’ st Soldi), Bertoni, Duse (20’ st Colombo), Tunesi, Peritore (29’ st Giacona); Tobia (7’ st Del Barba) Manara (42’ st Henin).
A disp.: Vittoni, Maselli, El Achkaoui, Disisto.
All. Moretti.

ARBITRO: Selvatici di Rovigo.
ASSISTENTI: Grosso di Acireale e Riccobene di Enna.

AMMONITI: 13’ st Da Silva (C), 41’ st Zenuni (C).