Luca Gandini traccia le linee guida della prossima stagione

Solitamente il 5 giugno la stagione agonistica è bella che archiviata e tutti i pensieri sono focalizzati sulla programmazione di ciò che dovrà accadere. Invece per la prima volta il presidente azzurro Luca Gandini si trova a fare un bilancio dell’anno trascorso e a definire il Chieri che verrà quando mancano ancora quattro giornate al termine del campionato di Serie D.
Una stagione così particolare che risulta inevitabilmente complicato anche trarre conclusioni definitive, ma Luca Gandini ha le idee chiarissime e già da alcune settimane ha dettato le principali linee guida della prossima annata.
“La gestione di Prima squadra e Under 19 è affidata a Paolo Vautretto – spiega il numero 1 azzurro – Con il tecnico Didu invece ci incontreremo la prossima settimana, ma dal mio punto di vista ci sono tutti i presupposti per continuare. È stato un anno particolare, con alcuni mesi molto complicati, ma secondo me Didu ha gestito bene le varie situazioni, raggiungendo gli obiettivi che ci eravamo posti: non solo la salvezza ma anche restare in alto nella classifica Giovani D Valore”.
Linea della continuità anche sul settore giovanile?
“Assolutamente si. Ripartiamo secondo me da una base molto solida, sebbene l’ultima stagione agonistica non si sia disputata. La gestione del vivaio fino ai 2009 compresi sarà a cura di Pino Perfetti, figura che è una garanzia e che ha relazioni consolidate sul territorio e opera con profitto da diverse stagioni. Il settore giovanile è il nostro fiore all’occhiello e su di esso riserveremo come sempre grande attenzione”.
Capitolo Scuola Calcio?
“Il responsabile è Davide Cravero, ingresso recente all’interno del nostro club ma di grande qualità vista anche la sua grande esperienza in contesti professionistici e internazionali. Per me la scuola calcio deve poggiare su percorsi costruttivi ed educativi. Non nascondo che sono deluso da ciò che ci circonda, dalle logiche del risultato sopra ogni cosa e da chi trova soddisfazioni nel vincere 15-0. Noi abbiamo già intrapreso un percorso diverso e il nostro vicepresidente Riccardo Tinozzi, psicologo dello sport, è l’emblema di questo nostro approccio. Vogliamo anche uscire dalle logiche dei primi gruppi, secondi gruppi e via discorrendo. Il nostro obiettivo è far giocare tutti, mischiandoli e facendoli crescere senza creare divisioni. Domenica scorsa è successo qualcosa che non avrebbe dovuto succedere. Noi abbiamo anche mandato il gruppo sbagliato e di questo chiedo scusa prima di tutto ai bambini”.
Non abbiamo parlato di Mirko Di Luca?
“Ora lasciamolo tranquillo: si sposa e gli facciamo i nostri più grandi auguri. Quando rientrerà valuteremo insieme la miglior soluzione”.
Gli obiettivi del 2021-2022?
“Sempre lo stesso: lavorare sulla crescita dei nostri giovani. Per continuare a farlo, anche in anno difficilissimo come l’ultimo, abbiamo aggiunto al nostro centro sportivo un campo e 4 spogliatoi. Il tutto con istruttori e allenatori di qualità che hanno sposato il nostro progetto condividendone valori e obiettivi”.
Proprio in quest’ottica il club azzurro è già in grado di ufficializzare lo staff tecnico della cantera. Cristian Viola confermatissimo alla guida dell’Under 19 nazionale, Andrea Mercuri guiderà i 2005, Piero Ciletta (dal Chisola) i 2006, Giuseppe Zucco i 2007, i due gruppi del 2008 ad Antonio Vallarelli e Giuseppe Cozzella, i 2009 a Stefano Cherubin, mentre per la seconda formazione Under 13 il nome del tecnico verrà annunciato nelle prossime settimane.