Dal nostro 2004 Jacopo Mosole ormai stabilmente in Prima squadra (per lui già quattro presenze in Serie D di cui due da titolare) alla recentissima conferma del riconoscimento di Scuola Calcio Èlite attribuitaci dalla Federazione, senza scordare la partnership nell’attività di base con Juventus. Sono davvero tanti gli indizi che consolidano la mission più importante del nostro club, ovvero quella di crescere e valorizzare i nostri giovani calciatori.
Da oggi ce n’è uno in più. Con la consueta lungimiranza e animata da un forte legame con il territorio, la proprietà del Calcio Chieri ha deciso di sostenere la realizzazione di un nuovo campo a nove, che andrà quindi ad arricchire il centro sportivo Roberto Rosato, già oggi un vero gioiello che diverse società professionistiche ci invidiano.
Pur in un periodo in cui le difficoltà per il mondo del calcio dilettantistico sono evidenti e di difficile soluzione, il Chieri del presidente Luca Gandini rilancia e per farlo sceglie ancora una volta il settore dell’attività di base.
I lavori sono iniziati la scorsa settimana e l’inaugurazione è prevista per il mese di giugno. Un ulteriore campo a 9 consentirà ai ragazzi della nostra Scuola Calcio di avere evidenti benefici per la loro crescita tecnico-tattica e ai nostri tecnici di programmare al meglio non solo allenamenti e raduni, ma anche eventi e attività che possano coinvolgere un numero sempre maggiore di bambini e bambine. Nello stesso periodo verranno implementati anche gli spogliatoi, che passeranno da 8 a 12.
Il club sta inoltre lavorando per la copertura della tribuna del campo a 11 e il completamento delle luci a led e dell’impianto fotovoltaico, che porteranno il Rosato a rappresentare un’eccellenza anche sotto l’aspetto della sostenibilità ambientale, oltre a consolidarsi come punto di riferimento per il calcio piemontese.