BACCHIN SI SBLOCCA

Punto dopo punto, il Chieri continua a muovere la classifica nella lenta rincorsa per uscire dalla zona playout. Ancora un 1-1, lo stesso risultato con cui ci eravamo lasciati due settimane fa in casa con il Gozzano. Lì era stato il solito Vono a rimontare lo svantaggio iniziale con il più classico dei gol dell’ex. Stavolta è toccato al compagno di reparto Bacchin, che ha ritrovato la rete dopo una lunghissima assenza. L’ultimo, ed unico, gol del classe 2003 risaliva infatti alla prima giornata in trasferta a Pinerolo. Da lì era partito un digiuno da cui è difficile uscire per un attaccante, ma il fantasista ex Brescia non si è mai dato per vinto, mettendosi sempre a disposizione per i compagni e portando sempre il suo apporto alla causa quando schierato dal tecnico Nisticò. Spirito di sacrificio encomiabile, che finalmente al 12’ della difficile trasferta contro i ragazzi allenati da Carobbio ha trovato il giusto premio. Lancio lungo di Zenuni, Bacchin stoppa ed elude la marcatura di due difensori, scaricando nell’angolino basso un mancino su cui Harrasser non può arrivare. 1-0 meritato, frutto di una partenza molto convincente degli azzurri, già vicini alla rete con Diop e Catarino, che hanno rischiato solo in un’occasione in cui Bugno si è visto stoppare da una splendida uscita bassa di Faccioli. L’unico rammarico è che il vantaggio sia durato troppo poco, dato che i verdegranata dopo altri sette minuti sono riusciti a pareggiare con Zaccariello, abile a trovare l’1-1 con un tap in su assist dalla sinistra di Cominetti.
Un primo tempo scoppiettante ha poi lasciato campo ad una ripresa più bloccata, con tanti contrasti a centrocampo e poche chances per gli attaccanti di mettersi in mostra. Anzi, a prendersi il proscenio è il giovanissimo Croce, alla terza da titolare consecutiva. Il classe 2006 è stato protagonista di un’altra gara più che positiva, condita poi da un salvataggio clamoroso in scivolata su Capano, che aveva calciato a porta vuota dopo aver saltato Faccioli. Rimangono infine tanti dubbi sulla rete annullata a Milosevic: il puntero serbo aveva infatti trovato la via del gol (sarebbe stato il primo con i collinari), ma l’arbitro ha fermato il gioco per un presunto contatto falloso nei confronti di Longhi. Davvero un peccato, perché con tre punti il Chieri avrebbe scavalcato anche la Vogherese e si sarebbe issata al di fuori della zona playout. I lombardi rimangono però a distanza di una sola lunghezza, con il calendario che, neanche a farlo apposta, la prossima domenica proporrà proprio lo scontro diretto tra gli azzurri ed i rossoneri. L’occasione sarà ghiotta ed i ragazzi di Nisticò proveranno in tutti i modi a prendersi la vittoria per dare continuità al momento positivo delle ultime settimane.