Regolamento Societario

STAGIONE 2017/2018 – A.S.D. Calcio Chieri 1955

Art. 1 Rispetto dei valori e comportamento

E’ obbligatorio comportarsi sempre nel rispetto dei valori etici e morali della buona educazione e del buon senso. Si pretende quindi un comportamento adeguato e rispettoso nei confronti delle persone e dei luoghi. Tutti i dirigenti, i collaboratori della società e gli staff responsabili delle squadre sono tenuti in primis a rispettare questa regola e farla rispettare ai giocatori e a sensibilizzare genitori e famigliari. Eventuali comportamenti ripetutamente inadeguati dovranno essere segnalati in Società.

Art. 2 RUOLI

La Società è composta da persone che ricoprono ruoli diversi, con compiti
precisi.
Ciascuno svolge il proprio ruolo senza interferire in quello altrui, salvo
necessità, perché comunque la collaborazione è alla base del funzionamento
societario. Nessuno è tenuto ad auto gestirsi, esiste una gerarchia di ruoli che va
rispettata. I ruoli in questione sono molteplici, non sempre subordinati ad altri,
ma spesso complementari.
Ruoli dirigenziali: sono l’anima della Società, prendono decisioni laddove
compete loro.
Ruoli Operativi: sono quelli che mettono in pratica le decisioni prese da coloro
che ricoprono ruoli dirigenziali.

Art. 3 SITO INTERNET, SOCIAL MEDIA

Il sito internet ufficiale della Società è  www.calciochieri1955.it e nessun altro è da considerarsi attendibile per contenuti e riconosciuto.
Si diffidano i tesserati a scrivere o rispondere di loro spontanea volontà su altri siti non ufficiali, guest-book e forum.

Art. 4 POSTA ELETTRONICA

L’indirizzo di posta elettronica ufficiale della Società è segreteria@calciochieri1955.it

Art. 5 CATEGORIE

La Società è affiliata alla Federazione Italiana Gioco Calcio (FIGC) e nello svolgimento dell’intera attività deve sottostare alle sue regole. Alla FIGC compete tutta l’organizzazione e lo svolgimento dei Campionati di categoria. La Società tessera i propri giocatori affinché possano prendere parte a manifestazioni ufficiali (Campionati e Tornei) a partire dai 8 anni compiuti. La Società svolge sia attività dilettantistica che di settore giovanile. Le categorie previste dalla FIGC  e per le quali la Società iscrive una o più squadre sono le seguenti:

DILETTANTI

SERIE D
UNDER 19 JUNIORES – Campionato Nazionale
UNDER 17 ALLIEVI – Campionato Provinciale/Regionale
UNDER 16 ALLIEVI F.B. – Campionato Provinciale/Regionale
UNDER 15 GIOVANISSIMI – Campionato Provinciale/Regionale
UNDER 14 GIOVANISSIMI F.B. – Campionato Provinciale/Regionale

ATTIVITA’ DI BASE

ESORDIENTI
PULCINI
PRIMI CALCI
PICCOLI AMICI

Art. 6 ALLENAMENTI

Gli allenamenti, in base alla categoria, hanno una durata variabile a seconda dei casi
e sono organizzati in diverse sedute alla settimana (con una calendarizzazione
diversa nel periodo di preparazione estiva e invernale) e potranno svolgersi sui
seguenti impianti sportivi:

• Stadio Comunale “Piero DE PAOLI” – Str. S. Silvestro, 29 – 10023 – Chieri (TO)
• Centro Sportivo “Roberto ROSATO” – Str. Andezeno, 76 – 10023 – Chieri (TO)

E’ possibile che per far conciliare gli allenamenti di tutte le squadre la
programmazione degli stessi possa subire delle variazioni, che sono comunicate
tempestivamente a tutti gli interessati.

Art. 7 GARE

Le gare possono essere ufficiali (Campionato e Tornei) o non ufficiali (amichevoli). La
prassi nell’organizzazione delle stesse è comunque la medesima. Se anche le distinte
possono venire omesse, oppure non vi sia l’arbitro ufficiale, le amichevoli sono pur
sempre partite vere e proprie, con tutto ciò che ne consegue. Per tale motivo è
assolutamente vietato far partecipare a qualsiasi gara giocatori che non abbiano
regolare certificato medico per la pratica dell’attività sportiva agonistica e non.

Ciò che riguarda l’organizzazione di qualsiasi gara è compito del relativo staff di
allenatori e dirigenti che devono comunicare con il giusto anticipo orario e luogo di
convocazione, nonché destinazione delle trasferte o qualsiasi altra informazione utile.
Si raccomanda a tutti, dirigenti, genitori e spettatori compresi, di prendere visione
del presente regolamento e di mantenere un comportamento corretto e rispettoso nei
confronti dei tesserati ASD CALCIO CHIERI 1955 (giocatori, dirigenti, allenatori),
avversari, arbitri e tutti coloro che rientrano nell’organizzazione delle gare.

A causa di comportamento non consono, anche degli spettatori, la Società può essere
sanzionata dalla FIGC con squalifiche o multe che vanno a incidere pesantemente
sulla graduatoria della Coppa Disciplina. Si evidenzia che nelle categorie regionali
(Juniores, Allievi, Giovanissimi) il superamento di 100 punti nella Coppa Disciplina
comporta l’automatica estromissione dagli stessi campionati l’anno successivo
(retrocessione d’ufficio).

 

Art. 7 Bis – GARE Prima squadra

 

In occasione delle gare ufficiali della prima squadra, è richiesto il massimo spirito di
collaborazione fra le diverse realtà societarie, per cui gli allenatori del Settore
Giovanile e i relativi dirigenti e genitori sono chiamati a partecipare e trascinare
pubblico allo stadio. In tali occasioni è prevista la presenza dei giocatori del Settore
Giovanile (ciclicamente tutte le squadre) al fine di svolgere la funzione di
raccattapalle all’interno dello stadio nelle partite casalinghe.

In aggiunta:
1. Non sono ammesse discussioni nell’immediato post partita. Queste possono
eventualmente essere affrontate a posteriori presso le sedi opportune e con i
corretti referenti.
2. Nessun dirigente è autorizzato a parlare con l’arbitro, a parte l’addetto preposto
3. Nessun dirigente e tanto meno altri soggetti sono autorizzati a sostare nel
corridoio antistante gli spogliatoi, interferendo con le operazioni della squadra nel
pre-post partita e creando confusione. Le uniche persone autorizzate ad entrare
negli spogliatoi sono: allenatore, preparatori, addetto arbitri, dirigente
accompagnatore, massaggiatore, medico sociale (se richiesto).
4. L’addetto agli arbitri si preoccupa di far trovare pronti, nello spogliatoio degli
stessi, generi di conforto quali: bevande calde/fredde, frutta, ecc…
5. E’ allestita un’apposita sala stampa per il colloquio con i giornalisti con i quali
possono parlare solo le persone preventivamente autorizzate dalla società.
6. I soli ruoli dirigenziali potranno riunirsi in un apposito spazio previsto per loro
presso lo stadio.
7. La lista e l’organizzazione dei raccattapalle dovrà essere fornita, entro il giorno
precedente la gara, alla segreteria, da parte del Responsabile del Settore
Giovanile.

    Art. 8 MATERIALE

    La società ha stabilito con le aziende “Erreà” e “Dino Sport” di Cherubin Armando &
    C. s.n.c. un contratto che prevede la sponsorizzazione tecnica e la fornitura del
    materiale d’abbigliamento ai nostri tesserati. I magazzinieri della società guidati dalla
    direzione Organizzativa si occupano della distribuzione del materiale ai tesserati. I
    giocatori di tutte le categorie dai giovanissimi in giù ricevono il materiale a fronte del
    versamento della quota d’iscrizione e per l’acquisto del kit base previsto dalla società.
    In caso di necessità per rottura, smarrimento, deterioramento ognuno potrà
    integrare il kit base, dopo il primo acquisto, a seconda delle necessità, mediante
    versamento della quota relativa al materiale da acquistare.

    E’ strettamente obbligatorio per tutti i tesserati vestire solo ed esclusivamente il
    materiale in dotazione durante l’attività calcistica (allenamenti e gare). Gli staff delle
    squadre sono tenuti a far rispettare questa regola ai propri giocatori e potranno, in
    caso di ripetuta inosservanza, a loro insindacabile giudizio, decidere se far loro
    disputare l’attività del momento. Per questioni d’immagine ed anche di sponsor, si
    richiede che il materiale vestito, soprattutto di rappresentanza, borse comprese,
    siano sempre puliti e comunque in ordine.

    Art. 9 TESSERAMENTO TECNICI

    Gli allenatori iscritti all’Albo del Settore Tecnico, dopo aver pagato la relativa tassa
    annuale, per poter allenare le categorie iscritte ai campionati regionali devono
    sottoscrivere un tesseramento che la Società provvede a depositare presso la FIGC.
    Il tesseramento è annuale, non può essere revocato durante la stagione sportiva e
    scade con il termine della stessa in data 30 giugno 2020. Una volta tesserati, gli
    allenatori non possono allenare in altra Società fino alla scadenza del tesseramento.

    Art. 9 Bis TESSERAMENTO GIOCATORI

    Esistono diverse tipologie di tesseramento a seconda dell’età del giocatore e quindi
    della categoria:

    Carta Assicurativa: (dai 5 anni compiuti);
    Cartellino annuale: (dagli 8 anni compiuti);
    Tesseramento definitivo: sottoscrivibile dai 14 anni in poi;

    La nostra Società, che da anni investe notevoli risorse economiche e materiali per la
    formazione calcistica dei propri giocatori, e che porta molti suoi giovani in squadre
    professionistiche o nella propria prima squadra, chiede con anticipo la sottoscrizione
    di quest’ultimo tesseramento (comunque obbligatorio dai 16 anni). Da questo
    momento, fino ai 25 anni, il giocatore diventa il patrimonio della società
    consentendone così la continuità e il futuro. Al giocatore e alla famiglia rimane la
    garanzia d’appartenenza alla nostra Società che da anni dimostra la massima serietà,
    professionalità e lealtà nei suoi comportamenti, nel rispetto delle esigenze e delle
    aspettative dei suoi tesserati.

    Art. 10 VISITA MEDICA

    Tutti i giocatori, per praticare l’attività calcistica, sono obbligati a sottoporsi a
    regolare visita medica e a fornire quindi alla Società il relativo certificato. I bambini
    fino ai 12 anni non compiuti devono fornire un certificato di sana e robusta
    costituzione per l’attività non agonistica. Al compimento dei 12 anni, anche se il
    certificato di sana e robusta costituzione non è ancora scaduto, i giocatori sono
    obbligati dalla FIGC a sottoporsi ad una visita medica specialistica da effettuare nei
    Centri Medici Sportivi abilitati e che fornisce l’idoneità alla pratica dell’attività
    agonistica. Entrambi i certificati hanno valenza annuale.
    Nel caso il Centro Medico richieda ulteriori accertamenti, il giocatore deve avvisare
    tempestivamente la società.
    La segreteria societaria fornisce opportune specifiche sulle modalità ed i centri presso
    cui espletare queste pratiche. 

    Art. 11 ASSICURAZIONE FIGC

     

    Con la sottoscrizione del tesseramento il giocatore è automaticamente assicurato
    contro i gravi infortuni (lesioni, fratture, invalidità, morte) che possono capitare
    durante allenamenti e gare. Quando si verifica un infortunio previsto
    dall’assicurazione FIGC, la Società s’incarica di gestire la pratica di apertura del
    sinistro. Pertanto, il giocatore è pregato di consegnare tempestivamente in segreteria
    il referto del pronto soccorso o di eventuali esami specifici. Il sinistro deve essere
    aperto entro 30 giorni dall’infortunio. La Società declina la responsabilità della
    mancata apertura di pratiche d’infortunio derivanti da ritardi imputabili al giocatore o
    alla famiglia. Lo stesso verrà definitivamente chiuso dopo la trasmissione di tutti gli
    altri documenti e del certificato di avvenuta guarigione. La denuncia di chiusura verrà
    compilata contestualmente dalla Società e dalla famiglia del giocatore. Spetterà alla
    famiglia stessa inviare all’assicurazione la suddetta denuncia.
    La liquidazione da parte dell’assicurazione verrà fatta direttamente al giocatore o ai
    familiari. Al ricevimento di qualsiasi comunicazione o richiesta da parte
    dell’assicurazione, nonché dell’avvenuta liquidazione, la famiglia deve
    tempestivamente informare la Società. Solo dopo aver chiuso il sinistro il giocatore
    potrà riprendere l’attività. E’ severamente vietato allenarsi o disputare gare in corso
    di sinistro. 

    Art. 11 Bis ASSICURAZIONE PRIVATA

    La Società, alla sottoscrizione di ciascun tesseramento, fornisce a ciascun atleta
    l’opportunità di stipulare una polizza assicurativa con agenzia convenzionata. I
    giocatori e le famiglie sono gli unici beneficiari delle polizze e a loro in primis compete
    l’obbligo della denuncia in caso d’infortunio (la Società garantisce comunque la debita
    assistenza in merito).

    Art. 12 QUOTA D’ISCRIZIONE SETTORE GIOVANILE

    La quota d’iscrizione prevista per le categorie del settore giovanile contribuisce,
    seppur in minima parte, a sostenere i costi di gestione necessari ad offrire ai propri
    tesserati un’istruzione calcistica qualificata e servizi il più efficienti possibile, tra cui:

    • Iscrizione ai campionati
    • Tesseramenti
    • Assicurazioni
    • Rimborsi spese ai tecnici
    • Materiale
    • Lavanderia
    • Utenze (acqua, luce, gas, telefono, ecc.)
    • Manutenzione impianti
    • Imposte e tasse
    • Spese generali e varie

    I versamenti effettuati ad Associazioni Sportive Dilettantistiche come la nostra sono
    detraibili nelle dichiarazioni dei redditi. Si consiglia per tale motivo di conservare
    il bollettino di pagamento. La Società provvederà ad emettere una certificazione a
    riepilogo di quanto versato nell’anno solare interessato qualora fosse richiesta. Salvo
    le somme richieste per iscrizione, materiale, trasporto o lavanderia è fatto assoluto
    divieto al giocatore o alla famiglia di pagare somme di denaro ai componenti della
    Società (allenatori o dirigenti) per qualsiasi motivazione.

    Art. 13 PUBBLICO SPETTATORE

    Tutti gli spettatori che assistono alle gare di qualsiasi delle nostre squadre, sono
    tenuti a comportarsi, prima, durante e dopo lo svolgimento della gara, in modo
    corretto e sportivo, limitandosi ad incitare e a sostenere i giocatori, senza intervenire
    su aspetti tattici o tecnici. La responsabilità dei giocatori, della scelta dei ruoli e del
    modo in cui giocano è solo ed esclusivamente dell’allenatore ed eventualmente dei
    suoi stretti collaboratori.
    Nessuno è quindi autorizzato a “fare l’allenatore dalla tribuna”. Questo atteggiamento
    non fa altro che creare tensioni inutili oltre che confusione generale in campo.
    Tutti gli spettatori, genitori e famigliari compresi, sono obbligati a rispettare questo
    comportamento. In caso di ripetuta inosservanza la Società si riserva di prendere i
    provvedimenti necessari.

    Art. 14 INGRESSI GARE

    Per coloro che vorranno assistere alle gare casalinghe delle nostre squadre è previsto
    il pagamento di un ingresso. Solo i nostri tesserati (giocatori, allenatori e dirigenti)
    potranno assistere gratuitamente alle gare in questione. A scanso di equivoci si
    raccomanda di presentarsi con la divisa di rappresentanza prevista dalla Società.

    Art. 15 CONTATTI UTILI

    PRIMA SQUADRA E JUNIORESPrima squadra e Juniores
    • Temi connessi ad allenamenti e gare: allenatore, team manager;
    • Logistica e temi connessi all’attività sportiva “Serie D”: Team manager (Sig. V. GAY);
    • Logistica e temi connessi all’attività sportiva “Juniores Nazionale”: Dir. Sportivo SG (Sig. G. PERFETTI);
    • Info contrattuali SERIE D: Direttore Sportivo (Sig. A. GIANNARELLI);
    • Organizzazione, Logistica, Materiale e abbigliamento: Direttore Organizzativo (Sig. M. BONGIOVANNI);
    • Visite mediche o altre info amministrative: Segreteria (Sig. S. GARDELLINI);

    SETTORE GIOVANILE – SCUOLA CALCIO – PICCOLI AMICI
    • Temi connessi ad allenamenti e gare: allenatore o dirigente accompagnatore;
    • Logistica e temi connessi all’attività sportiva: Responsabile Settore Giovanile (Sig. D. BELLOTTO), Responsabile Scuola Calcio (Sig. M. FORNERIS);
    • Temi connessi alla qualità delle relazioni interpersonali e alla creazione di un ambiente adeguato alla crescita e alla formazione dei giovani atleti: Vice presidente e Psicologo dello sport per il Settore Giovanile, la Scuola Calcio e i Piccoli Amici (Sig. R. TINOZZI);
    • Organizzazione, Logistica, Materiale e abbigliamento: Direttore Organizzativo (Sig. M. BONGIOVANNI);
    • Visite mediche o altre info amministrative: Segreteria (Sig.ra M.G. GALLARATO);

    Art. 16 VARIE ED EVENTUALI

    Per tutto quanto non contemplato in questo regolamento la Società si riserva di
    analizzare internamente, in sede di direttivo, le singole situazioni, nel rispetto dei
    regolamenti federali, delle parti coinvolte, dei valori etici e morali della buona
    educazione, del buon senso.

    CHIERI, 01/09/2019